In evidenza

Abbiamo il nuovo vescovo ausiliare

7E78D396-0DFF-4ED4-9024-87AC9B2099AA

Questa domenica nel pomeriggio a San Giovanni in Laterano, viene ordinato vescovo don Dario Gervasi, parroco di Roma: nominato dal Papa vescovo ausiliare per il nostro settore territoriale di Roma sud.
Preghiamo per lui e per tutta la nostra chiesa diocesana di Roma.

 



CRESIMA+COMUNIONE

12e

Itinerario di due anni e mezzo dalla seconda media

Registrando un calo di iscrizione al primo anno per la prima comunione, dovuto anche alla situazione dell’epidemia in corso, i genitori dei bambini di quarta elementare che non hanno segnato i loro figli al catechismo: lo potranno fare all’inizio della seconda media.

L’itinerario rinnovato nel metodo e più interattivo provvedrà : la prima confessione nella quaresima del primo anno, la Cresima vicina alla Pentecoste del secondo anno  e la prima comunione in fine ottobre dell’ultimo anno (inizio prima superiore).



LEGGI GLI AVVISI IN BACHECA

 


ATTENZIONE

image

La s. Messa del pomeriggio, feriale che festiva, è sempre alle ore 18.

 

In domenica ore 18 viene celebrata a San Tommaso

 

La s. Messa del Sabato alle ore 18 è a santa Maria dei Pellegrini (via Bernardo Pasquini 34)

 


image

Sono aperte le iscrizioni alle cresime dei ragazzi. Primo anno in seconda media, secondo anno terza media. La cresima verrà celebrata nell’inizio delle superiori.

Sono aperte anche le iscrizioni alle cresime degli adulti che verranno celebrate a fine Gennaio o inizio Febbraio 2021

 


EB50088F-F59D-4184-9C18-8921BC681043

______________________________

 

Rendere a Dio quello che è di Dio

 

Omelia di domenica 18 Ottobre

E501D9E5-1B84-4B23-9FD9-D89FF5BEC75F

Le letture di oggi XXIX del tempo ordinario

Il Vangelo di questa domenica ci mette davanti lapidariamente la celeberrima frase di Gesù che risponde ai farisei ed agli erodiani: rendete a Cesare ciò che è di Cesare e a Dio ciò che è di Dio. I farisei, per dirla con parole odierne, erano il partito politico contrapposto agli erodiani. I farisei aspettavano il messia che poteva liberare il popolo dal potere dell’impero romano, gli erodiani erano convinti che il popolo potesse essere governato dai romani… Entrambi opposti si mettono insieme per tendere una trappola a Gesù. La trappola mette insieme anche i nemici, la trappola è la non comunicazione. Loro stessi riconoscono Gesù come veritiero, che parlava senza soggezione di nessuno… La peggior condizione di rottura della comunione con l’altro è la trappola: la chiusura del dialogo, rispondi sì oppure no senza dialogare… Quando non diamo possibilità al dialogo la comunicazione viene interrotta così come anche la trasmissione dell’amore. Chiediamo al Signore di brillare della grazia dell’essere veritieri e di cercare sempre la comunicazione ed il dialogo, tanto meno no alla trappola.


“Questa immagine e l’iscrizione”

La domanda sembra politica e sociale: è giusto pagare il tributo a Cesare? Ma dietro c’è qualcosa di molto più profondo. Gesù non ha monete e ne chiede una: c’era la faccia di Cesare – e non altra figura come soleva essere – con la nuova iscrizione che proclamava la divinità imperiale di Cesare. I cristiani dei primi secoli sono stati perseguitati perché non adoravano l’imperatore e, in questo Vangelo, Matteo che scrivere alla comunità cristiana la esorta a non darsi al culto imperiale per paura o per piacere o per chissà quale altro motivo… In questo colloquio con i farisei e gli erodiani abbiamo nella moneta l’immagine di un dio falso, mentre nella persona di Gesù l’immagine del Dio vero incarnato per liberarci non dai mali sociali e le oppressioni politiche, ma dal peccato e dalla morte.

Ma che immagine ci siamo fatti di Dio? Cosa ci aspettiamo da Lui? Così di Lui cerchiamo e cosa desideriamo? La vera immagine di Dio è Cristo che crocefisso e risorto ci dona lo Spirito santo e la vita eterna: cosa altro vogliamo?


Facciamo l’uomo a nostra immagine

Ogni uomo porta in se l’immagine di Dio per condizione di essere creatura di Lui. Nel Battesimo diventiamo immagine di Cristo. Nel battesimo degli adulti, anticamente come oggi, viene chiesto di lasciare il culto imperiale e gli altri idoli… Noi cristiani diventiamo sempre più immagine di Dio, capaci di conoscerlo e di fare meraviglie con Lui, se restituiamo al mondo ciò che è del mondo cercando di essere cristiani autentici! Nella nostra vita ci sono dei “culti imperiali”, seri o meno seri, a cui noi paghiamo “il tributo” del tempo e dello spazio. Perché la nostra fede sia autentica dobbiamo lasciare ciò che è mondano quando questo diventa per noi un “rito”, un “culto”, qualcosa a cui non possiamo farne a meno… Fosse anche qualcosa di nobilissimo! Lasciare il mondo per aprirci alla presenza di Dio, significa entrare in profonda comunione di amore con Dio per vivere già da su questa terra il Regno dei cieli!

Lasciare le cose del mondo non significa disinteressarci di tutto: società, stato, famiglia e quant’altro c’è… Quanto invece non vivere queste cose come “divinità” ma portare in queste cose l’Amore di Dio. Sì, perché l’immagine di Cristo morto e risorto: siamo noi nel mondo di oggi e, il mondo di oggi, può vedere l’immagine di Dio solo nell’Amore con cui noi viviamo la “comunicazione” con il prossimo, anche il peggior prossimo! Lasciare il mondo – cosa dura ma necessaria spesso con tutte le nostre abitudini ed idoli – per vivere nel mondo stesso una vita più piena, una vita divina, una vita che si spende e si consuma per amore!

 

 

 

Leggi tutte le omelie del tempo di quaresima e di Pasqua 2020

 

_______________________________________________QUESTUA VIRTUALE

dopo la quarantena dovremo pagare le bollette dei consumi dei mesi invernali e altre spese parrocchiali inerenti al l’edificio e al culto.

image

_____________________________________________________________________

IN TEMPO DI EPIDEMIA AIUTIAMO CHI È IN DIFFICOLTÀ

image

Carissimi Parrocchiani,
in questo tempo così difficile molti di Voi mi chiedono come poter aiutare chi vive la difficoltà economica.
La parrocchia offre diverse possibilità:

Generi Alimentari:
Portare generi alimentari prendendo appuntamento con la Caritas attraverso il Whatsapp parrocchiale ovvero registrando il numero 0650610586 nei contatti e poi scriverci oppure inviare una mail caritas.santommaso@gmail.com

E’ attivo presso il Carrefour di Via Boezi un progetto di Spesa Solidale denominato ‘UN ALIMENTO IN SOSPESO’. Il carrello della spesa è interamente devoluto alla Caritas Parrocchiale.

Donazioni in denaro:

In parrocchia è attiva la Onlus San Tommaso che aiuta, oltre alle missioni, anche coloro che vivono temporaneamente difficoltà economiche. L’IBAN per donare è:

IT82 O056 9603 2180 00005721 X21
BANCA POPOLARE DI SONDRIO – SAN TOMMASO ONLUS – 163 ROMA – AG.18

___________________________________________________

 

 

Commenti Facebook
Commento

Nessun commento.

Solo utenti registrati possono commentare.

INFORMAZIONI
0650610586
CONTATTO WHATSAPP: 0650610586
Memorizza il numero della parrocchia e scrivici

La chiesa è aperta:
dalle 8 alle 12 e dalle 16 alle 19

La segreteria è aperta:
DI MATTINA: il lunedì, il venerdì ed il sabato dalle ore 10 alle ore 12.
DI POMERIGGIO: il martedì e mercoledì dalle ore 16 alle ore 19.
GIOVEDÌ: resta chiusa .
Whatsapp parrocchiale
Iscrizione cresime ragazzi
Iscrizione comunioni
Battesimi
Questua virtuale
Funerali
EVENTI
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: