article-image

COMMENTO AL VANGELO DI DOMENICA 26 MARZO 2017 – IV DI QUARESIMA

 

1 Passando, vide un uomo cieco dalla nascita 2e i suoi discepoli lo interrogarono: “Rabbì, chi ha peccato, lui o i suoi genitori, perché sia nato cieco?”. 3Rispose Gesù: “Né lui ha peccato né i suoi genitori, ma è perché in lui siano manifestate le opere di Dio. 4Bisogna che noi compiamo le opere di colui che mi ha mandato finché è giorno; poi viene la notte, quando nessuno può agire. 5Finché io sono nel mondo, sono la luce del mondo“. 6Detto questo, sputò per terra, fece del fango con la saliva, spalmò il fango sugli occhi del cieco 7e gli disse: “Va’ a lavarti nella piscina di Sìloe” – che significa Inviato. Quegli andò, si lavò e tornò che ci vedeva.
8Allora i vicini e quelli che lo avevano visto prima, perché era un mendicante, dicevano: “Non è lui quello che stava seduto a chiedere l’elemosina?”. 9Alcuni dicevano: “È lui”; altri dicevano: “No, ma è uno che gli assomiglia”. Ed egli diceva: “Sono io!”. 10Allora gli domandarono: “In che modo ti sono stati aperti gli occhi?”. 11Egli rispose: “L’uomo che si chiama Gesù ha fatto del fango, mi ha spalmato gli occhi e mi ha detto: “Va’ a Sìloe e làvati!”. Io sono andato, mi sono lavato e ho acquistato la vista”. 12Gli dissero: “Dov’è costui?”. Rispose: “Non lo so”.
13Condussero dai farisei quello che era stato cieco: 14era un sabato, il giorno in cui Gesù aveva fatto del fango e gli aveva aperto gli occhi. 15Anche i farisei dunque gli chiesero di nuovo come aveva acquistato la vista. Ed egli disse loro: “Mi ha messo del fango sugli occhi, mi sono lavato e ci vedo”. 16Allora alcuni dei farisei dicevano: “Quest’uomo non viene da Dio, perché non osserva il sabato”. Altri invece dicevano: “Come può un peccatore compiere segni di questo genere?”. E c’era dissenso tra loro. 17Allora dissero di nuovo al cieco: “Tu, che cosa dici di lui, dal momento che ti ha aperto gli occhi?”. Egli rispose: “È un profeta!”.
18Ma i Giudei non credettero di lui che fosse stato cieco e che avesse acquistato la vista, finché non chiamarono i genitori di colui che aveva ricuperato la vista. 19E li interrogarono: “È questo il vostro figlio, che voi dite essere nato cieco? Come mai ora ci vede?”. 20I genitori di lui risposero: “Sappiamo che questo è nostro figlio e che è nato cieco; 21ma come ora ci veda non lo sappiamo, e chi gli abbia aperto gli occhi, noi non lo sappiamo. Chiedetelo a lui: ha l’età, parlerà lui di sé”. 22Questo dissero i suoi genitori, perché avevano paura dei Giudei; infatti i Giudei avevano già stabilito che, se uno lo avesse riconosciuto come il Cristo, venisse espulso dalla sinagoga. 23Per questo i suoi genitori dissero: “Ha l’età: chiedetelo a lui!”.
24Allora chiamarono di nuovo l’uomo che era stato cieco e gli dissero: “Da’ gloria a Dio! Noi sappiamo che quest’uomo è un peccatore”. 25Quello rispose: “Se sia un peccatore, non lo so. Una cosa io so: ero cieco e ora ci vedo”. 26Allora gli dissero: “Che cosa ti ha fatto? Come ti ha aperto gli occhi?”. 27Rispose loro: “Ve l’ho già detto e non avete ascoltato; perché volete udirlo di nuovo? Volete forse diventare anche voi suoi discepoli?”. 28Lo insultarono e dissero: “Suo discepolo sei tu! Noi siamo discepoli di Mosè! 29Noi sappiamo che a Mosè ha parlato Dio; ma costui non sappiamo di dove sia”. 30Rispose loro quell’uomo: “Proprio questo stupisce: che voi non sapete di dove sia, eppure mi ha aperto gli occhi. 31Sappiamo che Dio non ascolta i peccatori, ma che, se uno onora Dio e fa la sua volontà, egli lo ascolta. 32Da che mondo è mondo, non si è mai sentito dire che uno abbia aperto gli occhi a un cieco nato. 33Se costui non venisse da Dio, non avrebbe potuto far nulla”. 34Gli replicarono: “Sei nato tutto nei peccati e insegni a noi?”. E lo cacciarono fuori.

35Gesù seppe che l’avevano cacciato fuori; quando lo trovò, gli disse: “Tu, credi nel Figlio dell’uomo?”. 36Egli rispose: “E chi è, Signore, perché io creda in lui?”. 37Gli disse Gesù: “Lo hai visto: è colui che parla con te”. 38Ed egli disse: “Credo, Signore!”. E si prostrò dinanzi a lui.
39Gesù allora disse: “È per un giudizio che io sono venuto in questo mondo, perché coloro che non vedono, vedano e quelli che vedono, diventino ciechi“. 40Alcuni dei farisei che erano con lui udirono queste parole e gli dissero: “Siamo ciechi anche noi?”. 41Gesù rispose loro: “Se foste ciechi, non avreste alcun peccato; ma siccome dite: “Noi vediamo”, il vostro peccato rimane”.

 

 

GESU’ PASSA

Gesù passa e vede il cieco. Qui non è il cieco ad invocarlo, quanto invece Lui a coglierlo. Gesù guarda il cieco, ma il cieco non può vederlo. Gesù lo vede perché il cieco mendica… Forse anche noi siamo ciechi, immersi nel caos della piazza davanti ai templi delle nostre chiese, ma non ci accorgiamo che Gesù passa. Gesù passa nella nostra vita! Come attirare la sua attenzione? Facendo i “mendicanti” come il cieco. Il mendicante vive di quello che gli arriva in elemosina tra la sua sporcizia e le sue sofferenze; essere mendicanti nella fede significa mettersi nella condizione di fiducia – atto di fede – in Dio: accolgo quello che la vita mi offre come dono di Dio; tra la sporcizia dei miei peccati di cui Dio ne annuncia la misericordia e le sofferenze che sono la porta stretta per la vita eterna. Cristo già ci ha dato gli “occhi della fede” per poterlo vedere, non nella piscina di Siloe, ma nell’acqua del Battesimo. Gesù passa, guarisce il cieco ed il cieco fa un cammino: passa dal riconoscerlo come l’uomo che lo ha guarito, poi come un profeta e alla fine come il Cristo.

La mia fede è in cammino? Sono un “mendicante” della grazia di Dio?

 

IL FANGO

Il fango ci riporta da una parte alla creazione del mondo: acqua e terra; d’altra parte alla nostra condizione di fragilità… il fango è questa esperienza di sofferenza quando appunto nel “fango” ci sentiamo immersi, ma anche lo sporco del peccato che ci fa sentire nel fango: va a purificarti.Gesù così ha detto al cieco: dal fango, da qualsiasi fango, possiamo uscirne solo con l’aiuto di Dio, ma dobbiamo muoversi come il cieco, tentoni, verso la “piscina di siloe”, verso laddove possiamo ritrovare un nuovo modo di vedere le cose, ritrovare la luce o una nuova luce! Cosa mi fa sentire sporco di fango? Dove la “piscina” della mia purificazione?

 

I VERI CIECHI RELIGIOSI

Gesù accusa i farisei di una cecità della fede… Un’affermazione forte che deve far riflettere anche noi, uomini e donne di fede di oggi. I farisei hanno perso la visione dell’orizzonte della grandezza di Dio: hanno racchiuso Dio nelle loro regole, nei loro progetti pastorali, nei loro dogmatismi sterili, in una religiosità vissuta nell’appartamento delle proprie idee mascherate da “volontà di Dio”… Questo è il pericolo: vivere una fede da “appartamento”, di chiusura travestita da apertura; di un’esperienza vissuta come profezia ma che profezia non è… Bisogna sapersi mettere sempre in crisi e porsi delle domande se il mio cammino con Dio, personale o comunitaria, sia un cammino fermo in un “appartamento”… L’uomo e la donna di fede si interrogano sempre con criticità positiva e negativa, sulla motivazione profonda della sequela di Cristo e la fede in Dio!La religiosità farisaica è quella dei se e dei ma… dei pro e dei contro… del dentro o del fuori… Vincola la grandezza onnipotente di Dio: in sabato non si possono fare miracoli. Tanto meno ascolta in “povero”: se tutto nei peccati e vuoi insegnare a noi… La religiosità di appartamento che è diffusa nelle parrocchie spesso diventa farisaica quando non riconosce più nella comunità parrocchiale stessa il cammino reale della Chiesa di Dio, ma al contrario ha la sua leadership, la sua guida, all’esterno così da chiudere gli occhi davanti all’immenso orizzonte di Dio.

Vivo una religiosità da appartamento, oppure sono aperto a critiche ed autocritiche, positive e negative, che possano farmi gustare la luce di Dio nel suo campo visivo dell’orizzonte?

 

LA LUCE DI DIO CHIEDIAMOLA CON SAN FRANCESCO D’ASSISI

 

Alto e glorioso Dio
illumina il cuore mio,
dammi fede retta, speranza certa,
carità perfetta.

Dammi umiltà profonda,
dammi senno e cognoscimento,
che io possa sempre servire
con gioia i tuoi comandamenti.

Rapisca ti prego Signore,
l’ardente e dolce forza del tuo amore
la mente mia da tutte le cose,
perchè io muoia per amor tuo,
come tu moristi per amor dell’amor mio.

Alto e glorioso Dio
illumina il cuore mio,
dammi fede retta, speranza certa,
carità perfetta.

 

Commenti Facebook
Comments

Nessun commento.

Solo utenti registrati possono commentare.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: